Caratterizzazione della persistenza del vettore di virus adeno-associato dopo follow-up a lungo termine nel modello di cane emofilia a
Punti salienti del 14 ° Congresso annuale dell'EAHAD

Caratterizzazione della persistenza del vettore di virus adeno-associato dopo follow-up a lungo termine nel modello di cane emofilia a

P. Batty1, S. Fong2, M. Franco3, I. Gil ‐ Farina3, C.-R. Sihn2, A. Mo1, L. Harpel1, C. Hough1, D. Hurlbut1, A. Pender1, A. Winterborn4, M. Schmidt3, D. Lillicrap1

1Dipartimento di Patologia e Medicina Molecolare, Queen's University, Kingston, Canada

2BioMarin Pharmaceutical, Novato, Stati Uniti

3GeneWerk GmbH, Heidelberg, Germania

4Servizi per la cura degli animali, Queen's University, Kingston, Canada

Punti chiave

Differenze intraepatiche nella distribuzione del DNA di AAV-FVIII

In questo studio, 8 cani sono stati trattati con un costrutto AAV di FVIII canino deluso con dominio B. Dopo un follow-up mediano di 10.8 anni, sono stati osservati livelli medi stabili di FVIII del 5.7% nei cani che hanno risposto (n = 6). Il DNA dell'AAV-FVIII è stato rilevato nel fegato di tutti i cani indipendentemente dalla loro risposta al trattamento. Il grafico sopra mostra i numeri di copie di AAV-FVIII da più campioni / regioni di fegato. Alcuni cani hanno mostrato numeri di copie AAV-FVIII simili (ad esempio ELI e FLO) indipendentemente dalla regione studiata, mentre in altri (ad esempio JUN), c'era una variazione più marcata.

Gli eventi di integrazione si sono verificati principalmente nelle regioni non codificanti del genoma canino
La tabella a sinistra mostra la dose, i livelli finali di FVIII e il numero di siti di integrazione (IS) per gli 8 cani inclusi nello studio (il codice colore nella colonna della dose rappresenta il sierotipo AAV, giallo = AAV2, rosa = AAV6 e ciano = AAV8. * = cani che non rispondono). La frequenza di integrazione mediana era 9.55e-4 IS / cellula, con la maggior parte (93.8%) di IS che si verificava nelle regioni intergeniche del genoma del cane. I siti di integrazione più comuni (CIS) erano in prossimità di KCNIP2, CLIC2, ABCB1, F8, chimostripsinogeno B1-simile e albumina. Il grafico a destra mostra la distribuzione relativa di IS per ogni animale. Nonostante gli eventi di integrazione che si sono verificati in tutti gli animali, non sono stati trovati tumori epatici all'autopsia.

CONTENUTO RELATIVO

Immagine

Please enable the javascript to submit this form

Supportato da borse di studio di Bayer, BioMarin, Freeline Therapeutics Limited, Pfizer Inc., Shire, Spark Therapeutics e uniQure, Inc.

SSL Essential